Catalogo Arte Moderna Mondadori

di  - 2008

Presentazione Cam NR 44
Catalogo Dell'arte Moderna - Mondadori

ALFONSO BORGHI, in ogni sua composizione, si affida al linguaggio puro della materia, qualificando il suo messaggio in chiave eminentemente spaziale. Si avverte quindi la necessità, da parte dell'artista, di interrogarsi sulla non forma, ponendosi l'obiettivo di definire l'idea utopica di un universo in espansione, assimilando ogni suo lavoro a una sorta di camera di risonanza della sua intelligenza creativa. In ognuno di questi alvori, la dilatazione del magma cromatico, su cui si concentra la narrazione visiva, si apre all'interferenza di altri microcosmi, a loro volta portatori di una nuova potenzialità costruttiva, ancora trattenuta in una fase di germinazione, e potenzialmente predisposta a un nuovo esito pittorico.
Nella variabilità delle sue tessiture tonali e atonali, Borghi è compositore di svolgimenti cromatici ritmici, di contrappunti tra masse squillanti, di effusioni visive attraverso stazioni variabili di forte lucentezza. Le sue ampie campiture sono stese con una gestualità generosa, ma in certi momenti anche violenta, lasciando trasparire un'inconscia inquitudine. Estroverso e severo, egli comunica concrete certezze negli spessori tattili, ma anche momenti struggenti e suggestivi, dove, pur nella costante di una grafia fortemente movimentata, la sua pittura si placa in ripiegamenti riflessivi e in pause di quiete. Lo spessore del pigmento puro e solare gioca anche sulle variabili tecniche miste, accogliendo sabbie, frammenti di carta, striscie di iuta, che aggiungono concrete tangibilità al caos organizzato dalla composizione. In questi casi, le stratificazioni della materia creano luoghi di incontro e di scontro, ribaltando la logica spaziale, suggerendo quindi l'idea di qualcosa che emerge dal fondo steso del supporto, spingendo in altezza ed esorbitando dal quadro; così, nell'audacia di queste interpolazioni, si assiste alla crescita dei corpi plasticamente espressivi, che tendono a oltrepassare i limiti della bidimensionalità...